Letti a scomparsa: razionalità ed efficienza al tuo servizio

Affrontando il tema dell’arredamento, molto spesso oggi le persone si orientano verso acquisti che permettono di ridurre gli spazi nella propria casa. Grande attenzione stanno ricevendo a riguardo i letti a scomparsa: grazie a questa tipologia di letto si può sfruttare una zona living durante la notte, aprendolo in maniera facile e veloce.

Essendo attualmente molto richiesto sul mercato, abbiamo deciso di rispondere ad alcune delle domande più frequenti che le persone pongono sui letti a scomparsa moderni. Come già detto, questa tipologia di letto è infatti utilissima nella gestione degli spazi ridotti, ma può essere una scelta ottima anche nell’ottica di una camera per i bambini, o per gli ospiti, o anche per chi cerca semplicemente una soluzione efficiente per la propria casa.

Innanzitutto, cos’è un letto a scomparsa? Tradizionalmente, il letto a scomparsa è un letto che si chiude verticalmente in un muro di giorno e si apre la sera per la notte. Oggi è possibile scegliere modelli molto diversi di letto a scomparsa, da quelli più economici a veri e propri letti di lusso, con aperture sia in verticale che in orizzontale, singoli o matrimoniali.

Secondariamente, il letto a scomparsa è un buon letto? Lo è, senza dubbio. L’idea che abbiamo quando pensiamo a un letto di questo tipo è un modello che ci permette di ridurre gli spazi, ma che non è comodo come un letto normale. Se questo è in linea di massimo vero per i modelli classici, lo stesso non si può dire per gli ultimi modelli presenti sul mercato, costruiti con materiali di altissima qualità.

È facile da usare? Assolutamente. Generalmente il meccanismo di apertura-chiusura controbilancia il peso del letto, rendendo possibile un’apertura senza sforzi. Difatti parliamo di letti molto leggeri e semplici da aprire e chiudere manualmente. È possibile inoltre scegliere un modello ad apertura meccanica: potrà svolgere il “lavoro” al posto nostro!

Ho bisogno di uno spazio apposito per lenzuola o cuscini, o il materasso? Non più! Molti modelli comprendono delle cinghie per fermare il materasso per letto a scomparsa, utili a non dover fare e disfare il letto ogni giorno, dando la possibilità di un averlo pronto all’uso in pochi secondi. Molti modelli, come ad esempio i divani letto, non garantiscono questa possibilità.

Il letto a scomparsa è comodo? Si! Molti dei modelli sono costruiti su reti a doghe con una base in metallo, senza particolari differenze con dei letti standard, che in più ottimizzano i nostri spazi. I letti ribaltabili, spesso, non garantiscono questo tipo di manifattura.

Posso usare il mio materasso? Ovviamente, si può usare il proprio materasso, o comprarne uno della giusta dimensione, facendo fronte liberamente alle nostre esigenze.

Che differenze ci sono tra i modelli? Come già detto, il modello tradizionale è strutturato verticalmente e solitamente si chiude in un armadio. Vi sono modelli che si trasformano in scrivanie, librerie, armadi ad ante, sia singoli che matrimoniali. Oppure si può scegliere un modello orizzontale: in questo caso il letto è solitamente singolo, ma da la possibilità di avere un letto a castello in uno spazio ridotto. Consigliatissimo per la camera dei bambini!

In conclusione, i letti a scomparsa possono rivelarsi davvero una scelta ottima, non solo per ridurre i nostri spazi abitativi. Si tratta di letti che coniugano efficienza e comodità, e che spesso non hanno nulla in meno rispetto i letti standard. Dal più economico al più costoso, si tratta di modelli in grado di far fronte a tutte le esigenze.