L’arte di fare la birra in casa

Come si fa la birra fai-da-te

L’arte di fare la birra in casa, era un hobby poco diffuso e abbastanza originale ma da qualche tempo è molto più praticato di un tempo, le motivazioni principali sono: la grande soddisfazione di bere una birra mediamente buona; e quello che si può definire uno “sfizio” cioè averla prodotta con le proprie mani e anche con un notevole risparmio, perché i costi di produzione sono molto più accessibili e gli esperti affermano che, è più produrla che comperarla.

I Kit birra: comodi e pratici

Fare la birra in casa è legale, ma solo a  proprio uso e consumo e non può essere venduta, il processo produttivo è economico, infatti per produrre della birra in casa, e non si è ancora abbastanza esperti la scelta più adeguata è quella di acquistare i Kit birra; dei veri pacchetti pensati per fornire in un’unica soluzione tutti gli strumenti utili a produrre la gustosa bevanda.

Kit birra fai-da-te

I Kit birra fai-da-te sono confezioni di metallo del tipo latta da conserva che contengono i malti pronti ovvero già amaricati, pronti per l’uso, un mosto che da diluire con acqua e che va lasciato poi fermentare, lo svantaggio questo tipo di mosto già pronto è che non può essere aromatizzato con gusti e aromi di vario genere tipo gusti alla frutta, miele o erbe, però permettono comunque di produrre una birra di ottima qualità.

Un hobby delizioso

Un hobby delizioso e gratificante, che permette di fare scorta di buona birra,  inoltre utilizzando i kit pronti, c’è il vantaggio di fare pratica con i passaggi della lavorazione e la procedura di fermentazione e con tutte le sue varie fasi; imparare ad usare in modo perfetto l’attrezzatura è importante, non bisogna  assolutamente cambiare nessuna fase del processo, è bene seguire passo passo il metodo e i tempi e rispettarli scrupolosamente.

La bevanda inventata dagli antichi egizi

Un altro metodo per produrre birra casalinga è l’ estratto+grani, ovvero un mix ben calibrato  di estratti di malti  non luppolati, lievito, luppolo, grani speciali  in quantità moderate che servono a infondere gusti particolari alla birra e le varie  colorazioni. Questo metodo però necessità  attrezzature più sofisticate e una lavorazione più lunga e articolata, alquanto laboriosa, adatta ai più esperti, ma permette di personalizzare la birra prodotta e accresce  anche il livello di qualità ottenuto, della bevanda inventata dagli antichi egizi.